Ariete 6408 Stiromatic Eco Power recensione

La recensione di oggi riguarda un prodotto molto interessante nel mondo dei ferro da stiro a caldaia separata: vi parleremo dell’Ariete 6408 Stiromatic Eco Power, un prodotto di bassa fascia studiato per chi vuole fare un passo avanti rispetto ai modelli più economici tradizionali. Andremo ora ad elencarvi quelle che sono le caratteristiche tecniche di questo oggetto, il design, i materiali utilizzati ma soprattutto le funzionalità di cui dispone. Il nostro obiettivo principale è quello di guidarvi nella scelta di un prodotto che sia al 100% affine alle vostre necessità, per questo motivo faremo dei test di utilizzo per capire assieme se si comporta in maniera adeguata rispetto alle aspettative riposte. Dobbiamo comunque avvisare l’utente che si tratta pur sempre di modello dal costo contenuto e in quanto tale non può essere paragonato a quelli super tecnologici e con una fascia di prezzo alta. I materiali utilizzati sono infatti in linea con quelli dei competitors e si tratta per lo più di plastica, il che lo rende anche molto leggero e maneggevole, facile da trasportare da una parte all’altra della casa senza troppa difficoltà.

 Scheda tecnica

Procediamo ora con l’analisi dell’Ariete 6408 Stiromatic Eco Power parlando del design: linee semplici e delicate, inserti sul grigio e nero e serbatoio creato con materiali trasparenti. Nel complesso si presenta dal punto di vista estetico come un oggetto moderno ed elegante. Compatto nelle dimensioni, il cavo di alimentazione si avvolge intorno alla base per salvare dello spazio e avere una maggior praticità, senza paura di ingarbugliarsi o inciampare al momento di riporlo nuovamente nello sgabuzzino. I colori scelti nei toni del verde ricordano la sua prerogativa principale e cioè il fattore ecologico.

Grazie al sistema di gestione del vapore si riesce a risparmiare fino al 30% del consumo energetico e quindi minimizzare il suo impatto sull’ambiente, ottenendo comunque dei risultati di stiratura eccellenti. La conformazione della struttura è stata studiata per garantire una perfetta praticità nell’utilizzo. Parliamo infatti della base del ferro, posizionata in obliquo per facilitare la presa durante il lavoro. Inoltre, sono stati inseriti dei tacchetti antiscivolo per favorire l’aderenza e non rischiare che il ferro di muova una volta messo in posizione. Per quanto riguarda l’impugnatura, questa è ergonomica e favorisce un minor sforzo da parte di mano e polso, cosa davvero molto importante quando si considera di stirare delle pile enormi di panni.

In conclusione

Considerando la sua costruzione generale e il fattore risparmio, sicuramente notiamo che dietro a questo ferro da stiro la casa madre ha fatto degli studi accurati. Per quanto riguarda la potenza comunque non è affatto male: durante il test abbiamo avuto a che fare con ben 2200 w, leggermente sopra la media dei prodotti di questa fascia di prezzo. Il getto di vapore inoltre arriva fino a 120 g/min, fattore davvero importante per un risultato ottimale in fare di stiratura. Un vero pro di questo modello è senza dubbio il serbatoio dell’acqua che riesce a contenere fino a 1 l quindi molto superiore alla media.

Questo è posto nella parte posteriore della base ed è facilmente estraibile per essere riempito oppure lavato a dovere. Grazie alle manopole di gestione della temperatura del vapore e i tasti sul ferro si potrà avere una perfetta esperienza di stiratura. In definitiva, un prodotto di fascia bassa che si pone alla portata di tutti e facile da utilizzare anche per chi non ha mai avuto a che fare con i modelli a caldaia. Una potenza invidiabile e una autonomia di lavoro considerevole vi permetteranno di lavorare a lungo senza sentire la fatica, riducendo di molto i tempo da dedicare a questo mestiere di casa.